Si appostava nei pressi dell'abitazione della ex e poi la pedinava. Il Personale della Squadra Mobile ha dato esecuzione ad un'ordinanza della misura coercitiva del divieto di avvicinamento, emessa dal GIP del Tribunale di Latina nei confronti di M.R. di anni 58, il quale, a seguito delle indagini svolte, veniva indagato per aver posto in essere nei confronti della ex, condotte persecutorie consistenti nel pedinarla, e nell'appostarsi sotto la sua abitazione o nei pressi del luogo di lavoro. Non contento, il predetto la minacciava di divulgare attraverso i social network foto di natura privata. In attesa del processo, all'uomo è stato intimato di non potersi avvicinare alla parte offesa, né nelle pertinenze della sua abitazione e del luogo di lavoro, di comunicare con lei in alcun modo, obblighi estesi anche riguardo i congiunti della vittima.