Iniziano a emergere i primi dissapori in merito al progetto commissionato dalla Volsca Ambiente e Servizi Spa - società partecipata dai Comuni di Velletri, Lariano e Albano Laziale - per la realizzazione di un impianto di digestione aerobica della frazione organica dei rifiuti, da realizzarsi nei terreni di proprietà dell'azienda a Contrada Lazzaria, nella periferia di Velletri.
In particolare, con una mozione protocollata nelle scorse ore e che dovrà essere discussa nella prima assise civica utile, il presidente del Consiglio comunale Daniele Ognibene, insieme ai consiglieri Roberto Leoni (presentatore dell'atto), Sabrina Ponzo e Giorgio Fiocco, ha chiesto di impegnare il sindaco e la Giunta comunale a sospendere la procedura di progettazione dell'impianto che dovrebbe trattare circa 33mila tonnellate annue di rifiuti organici, oltre che a porre in essere "qualsiasi iniziativa finalizzata alla tutela e alla salvaguardia, sotto l'aspetto agricolo e ambientale, sia dell'area interessata dalla realizzazione dell'impianto che dell'intero territorio comunale di Velletri".
Nelle premesse della mozione, i quattro politici che compongono la maggioranza guidata dal sindaco dem Fausto Servadio hanno evidenziato come sia necessaria - a loro detta - "un'attenta analisi preventiva che tenga conto, in senso generale, della strategia complessiva delle modalità di smaltimento e della tipologia di impianto".
Non solo. Secondo i quattro consiglieri "le attività di tutela del territorio vanno messe in atto anche alla luce della recente situazione di criticità dello smaltimento dei rifiuti di Roma Capitale".
In sintesi, secondo Leoni, Ponzo, Fiocco e Ognibene "l'incarico conferito dalla società partecipata non è in linea con le decisione assunte dal Consiglio comunale" che, vale la pena ricordarlo, si era detto contrario al precedente progetto di digestione anaerobica dei rifiuti - con annessa produzione di biogas - e pronto a valutare nuove progettualità.
Nei giorni scorsi, anche il consigliere del MoVimento 5 Stelle Paolo Trenta aveva espresso dubbi sul progetto.