Una intensa attività investigativa posta in essere dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Spigno Saturnia, ha consentito di individuare il responsabile di un incendio boschivo verificatosi lo scorso 7 giugno in località  Santa Maria La Noce,  nel Comune di Formia. L'incendio, sviluppatosi nel pomeriggio di mercoledì, a causa delle alte temperature e del forte vento si propagava velocemente, interessando una superficie stimata in circa 50 ettari di macchia mediterranea. Per avere ragione delle fiamme è  stato necessario l'intervento di squadre dei Vigili del fuoco, dei volontari della protezione civile, oltre a due elicotteri regionali e un Canadair della flotta nazionale. La tempestiva attività d'indagine posta in essere dai militari di Spigno Saturnia, i primi interrogatori, l'analisi delle modalità di propagazione delle fiamme e l'applicazione del metodo cosiddetto delle "evidenze fisiche", consentivano di individuare il punto di insorgenza dell'incendio e conseguentemente il responsabile dell'incendio. Infatti le fiamme risultavano essersi propagate da un terreno limitrofo ad un uliveto nel quale, da diversi giorni,  erano in corso lavori di potatura e ripulitura del terreno. Il bracciante agricolo impegnato nei predetti lavori eliminava, mediante abbruciamento, i residui vegetali ed evidentemente non poneva la necessaria cura nell'accertarsi della completa estinzione delle fiamme. Lo stesso veniva così denunciato all'autorità giudiziaria con l'ipotesi di incendio boschivo colposo. Un paio di settimane fa per un episodio analogo, sempre in Comune di Formia, veniva denunciato il conduttore di un altro oliveto che nell'eliminare i residui vegetali provocava un incendio boschivo, anche se di dimensioni ridotte rispetto a quello registrato mercoledì scorso. Tali episodi evidenziano, ancora una volta, la necessità che venga posta una particolare attenzione negli abbruciamenti dei residui vegetali che, tra l'altro, a partire dal prossimo 15 giugno, con il periodo di massima pericolosità per gli incendi, sono assolutamente vietati.