A distanza di una settimana dal colpo fallito di Borgo Podgora la banda dei bancomat è tornata in azione stanotte, ma anche questa volta i ladri non sono riusciti a portare a termine il loro piano: avevano puntato la filiale di Sezze Scalo della Banca Popolare del Lazio, per replicare il furto di sei mesi fa, ma sono stati costretti a mollare tutto all'arrivo di guardie giurate Securitas Metronotte e carabinieri.
Utilizzando una ruspa rubata da un'azienda della zona, gli scassinatori hanno prima abbattuto lo sportello automatico, poi lo hanno agganciato per caricarlo a bordo di un pick-up, ma non hanno fatto in tempo a finire il  lavoro per scappare: i Metronotte sono stati più veloci di loro. Alcuni dei ladri si sono dileguati a piedi, altri sul veicolo cassonato con il quale però non sono andati lontano: appena usciti dal centro abitato di Sezze Scalo, nel compiere una brusca manovra per imboccare via Sandalara, si sono ribaltati nel fosso e hanno dovuto abbandonare anche quel mezzo, poi risultato rubato a Pontinia la notte prima, per proseguire a piedi la fuga.
Le pattuglie dei carabinieri hanno battuto a lungo le campagne circostanti ma dei soliti ignoti non c'era più traccia. Nel frattempo sui mezzi sono stati effettuati i rilievi in cerca di tracce utili alle indagini avviate da mesi per assicurare alla giustizia la banda dei bancomat.