Un incendio appiccato all'interno dei locali di un distributore che fin da subito non era apparso accidentale. I fatti erano avvenuti circa sette mesi fa e le indagini non si sono mai fermate. E quindi il responsabile dell'incendio è stato identificato. Infatti, gli uomini della Polizia di Stato  - Questura di Latina, Commissariato di Cisterna di Latina hanno  denunciato, M.L. residente ad Aprilia 25 anni, operaio in seguito alle indagini relative all'incendio ed alla deflagrazione dei locali del distributore di  carburanti della società Spend Oil, sito a Cisterna di Latina in via Tivera   nel quale lo stesso M.L. era impiegato.

LE FIAMME DOLOSE Nella giornata dello scorso 27 novembre, un forte boato, conseguente all'incendio di un piccolo locale del distributore Spend Oil, fu udito chiaramente dagli abitanti della periferia di Cisterna di Latina, destando una forte apprensione. La deflagrazione aveva fatto pensare in un primo momento addirittura ad un ordigno, tuttavia gli accertamenti dei Vigili del Fuoco di Latina avevano da subito chiarito che si era trattato di un incendio, senz'altro doloso, avvenuto all'interno di un piccolo locale del distributore che, a causa di saturazione di materiale accelerante (quasi sicuramente della benzina) aveva generato l'esplosione e quindi il forte  l'incendio. Sempre i Vigili del Fuoco avevano appurato che nel centro della piccola stanza dell'impianto  era concentrata una forte quantità di materiale accelerante che certamente era stata portata dall'esterno. Pertanto, chiarita l'origine dolosa dell'evento, gli investigatori della Polizia di Stato del Commissariato di Cisterna  avevano immediatamente proceduto ad attività investigative mirate.

UN PARTICOLARE IMPORTANTE Un elemento in particolare aveva  suscitato la loro attenzione, quello che la porta/saracinesca d'ingresso del locale attinto dalle fiamme  era stata chiusa a chiave tanto che anche se divelta dalla parete a causa dell'esplosione, mostrava evidenti le mandate laterali della chiusura. Quindi, posto che l'origine dell'esplosione era avvenuta all'interno del locale mediante una cospicua quantità di liquido infiammabile ivi collocato chi vi aveva posto il liquido era la stessa persona che aveva provveduto a chiudere la porta con la chiave. Di conseguenza quello stesso soggetto aveva la disponibilità della chiave del locale. A seguito poi di ulteriori attività investigative tipiche e di polizia scientifica si è formato un quadro probatorio chiaro di chi aveva provocato l'incendio ed il motivo del perché lo avesse fatto, motivi che hanno determinato la denuncia all'Autorità Giudiziaria di M.L.  Il movente che avrebbe spinto il giovane a provocare l'incendio è stato quello di impadronirsi dell'incasso, quasi 4000 euro, custodito in una cassetto di una scrivania all'interno del locale. A seguito delle fiamme infatti tutto il mobilio è andato completamente distrutto. Il giovane, che pare avesse difficoltà economiche, qualche giorno dopo l'incendio si  è recato a Londra per un viaggio di piacere. L'individuazione dell'autore dell'incendio ha permesso di escludere altre ipotesi, anche suggestive,  che erano immediatamente circolate sul grave fatto criminale.