Niente agibilità né impianto antincendio. È stata emessa ieri un'ordinanza di chiusura del Palazzetto dello Sport di Nettuno da parte dell'amministrazione comunale, che colpisce in particolare due associazioni, la New Body Zone - che gestisce una palestra nei confini della struttura - e la Polisportiva Giubileo. In più, nei garage, c'è il deposito di mezzi della Poseidon, anch'esso inagibile.

Tutto nasce il 23 giugno scorso, quando il dirigente dell'area Lavori pubblici ha comunicato a quello dei Servizi sociali - Gestione impianti sportivi - la situazione, al fine adottare i provvedimenti del caso a causa della "mancanza del certificato prevenzione incendi e dell'agibilità, nello stabile denominato ‘Palestra polifunzionale Santa Barbara'. Una situazione che crea nocumento - si legge nel documento pubblicato sull'Albo pretorio on line del Comune - alla sicurezza degli astanti e di chi pratica lo sport in tale impianto sportivo".

Di conseguenza, il Comune ha quindi avvisato le due associazioni dell'ordinanza di chiusura e imposto, alla scadenza di quindici giorni dalla notifica dell'atto, di lasciare lo stabile.

Fortunatamente, si sta già cercando una soluzione. È infatti fissato per questa mattina un vertice con i tecnici del Comune. "Siamo pronti ad avviare subito i lavori per il sistema antincendio - fanno sapere con una nota congiunta le due associazioni - ma anche il Comune deve fare la sua parte intervenendo sull'agibilità della struttura. La nostra speranza - concludono - è che con l'impegno di tutti si possa riaprire il Palazzetto entro i 15 giorni previsti per la chiusura definitiva dello stabile, fatto che creerebbe più di qualche problema anche alla Poseidon, che al Palazzetto tiene i suoi mezzi di lavoro".