Forse ha addirittura agito senza nessun mandante, ma quello di via Giardini e via Guardapasso potrebbe non essere il primo rogo appiccato da lui. Sul 55enne di origini francesi finito in manette perché sorpreso ad appiccare l'incendio che nella giornata di giovedì ha devastato i campi tra via Guardapasso e via dei Giardini ora si incentrano nuovi sospetti. Gli agenti della Polizia stradale di Aprilia sembrano aver indirizzato su di lui le indagini in merito al rogo che ha distrutto un capannone tra via del Giglio e via Pontina a Campoverde. Potrebbero infatti esserci elementi in comune con i due episodi. Nel frattempo fonti vicine alla Polizia riferiscono che a  carico dell'arrestato pende un ordine di ricerca emesso dalle autorità francesi dopo la sua fuga da un istituto psichiatrico in cui era ricoverato.