Arrivano chiari i segnali dell'esasperazione dei diportisti di Latina, a cui ora è stato negato anche l'accesso al mare attraverso un ulteriore piccolo scivolo, sempre nell'area di Fosso Mascarello, dove qualcuno si recava con piccoli gommoni, alcuni addirittura gonfiabili.
Ed è proprio per questo che ieri mattina, sullo stesso ponte pericolante dove è stato interdetto l'attraversamento della volta ai pedoni (anche se sopra le auto, paradossalmente, possono attraversarlo senza problemi) sono stati affissi degli striscioni e scritte fatte con la vernice con frasi di protesta nei confronti dell'amministrazione, accusata di essere stata immobile rispetto ai bisogni di chi ama il mare e, soprattutto per chi gestisce attività commerciali legate proprio all'utilizzo dell'approdo. È dunque evidente che il malcontento di tutta la categoria è diventato ormai incontenibile.Viene chiesta la messa in sicurezza del ponte sul fosso Mascarello.