Da una parte ci sono le denunce presentate dai bambini di età compresa tra i 10 e i 12 anni, adescati dal 77enne che li avrebbe invitati a casa chiedendo abbracci e facendo anche delle proposte più esplicite. Dall'altra parte invece ci sono le dichiarazioni dell'indagato che si è professato innocente e ha riferito di non aver fatto alcuna proposta ai piccoli e poi ci sarebbe anche un alibi che a quanto pare regge.
E' questo il quadro investigativo che ha in mano la Procura e il pm Gregorio Capasso sulla delicata vicenda relativa alla presunta tentata violenza sessuale aggravata da parte di un pensionato di Latina nei confronti dei tre minori che sono stati avvicinati con una scusa banale mentre l'uomo era a passeggio con il cane in un'area verde alla periferia della città. Il pm contesta al reato di tentata violenza sessuale anche l'aggravante della minore età delle parti offese. 

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (giovedì 27 luglio)