Il legale che assiste Vincenzo Malvaso, indagato nell'inchiesta Olimpia, ha chiesto l'avocazione e ha inviato nei giorni scorsi una istanza alla Procura Generale presso la Corte d'Appello di Roma. Secondo l'avvocato dell' ex consigliere comunale, non è stata chiesta la proroga delle indagini preliminari dell'operazione condotta dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Latina che aveva portato lo scorso novembre a una serie di arresti per associazione a delinquere relativa agli appalti facili nel Comune di Latina. Nella nota inviata a Roma emergono anche altri motivi. La difesa di Malvaso e anche di Andrea Capozzi, rappresentata dall'avvocato Renato Archidiacono, sostiene diversi punti, a partire dalla scadenza dei termini per la proroga delle indagini preliminari e poi che ancora non c'è la richiesta di archiviazione o di rinvio a giudizio. 

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (sabato 29 luglio)