La crisi idrica imperversa su tutto il territorio, e non solo, ma c'è anche chi svuota le cisterne posizionate nelle varie zone di Minturno. A denunciare l'azione vandalica è stato ieri mattina il sindaco di Minturno, Gerardo Stefanelli, al quale sono giunte segnalazioni sulla cisterna situata a Marina di Minturno, nei pressi dell'incrocio, ieri completamente vuota. «Ho chiamato subito il responsabile di Acqualatina- ha detto il primo cittadino- il quale mi ha riferito che a mezzanotte di sabato il serbatoio conteneva l'acqua. Ieri mattina non ce ne era nemmeno un goccio. Qualcuno ha riferito che c'erano dei ragazzi che si divertivano a farla uscire dai rubinetti del serbatoio e così ho chiesto al comandante della Polizia Locale di visionare le telecamere situate nelle vicinanze, per cercare di individuare i responsabili. E' inaccettabile che in un periodo come questo ci siano persone che si divertono a svuotare i serbatoi». Ma non è tutto perché, come ha aggiunto il sindaco, ci sono persone che puliscono il pesce direttamente sotto il rubinetto «come confermato dalle teste di alici che sono state trovate». Qualcun altro, come avvenuto a Minturno, si è portato l'acqua a casa con più contenitori ed ha provveduto poi ad annaffiare i fiori, provocando la reazione di qualche cittadino. Comportamenti che non accettabili in un momento come questo. Ma ieri mattina l'allarme cisterne vuote, lanciato anche sui social, giungeva anche da Scauri (piazza Sant'Albina) e Fontana Perrelli. Una pura coincidenza? Staremo a vedere se ci saranno novità grazie alle telecamere della videosorveglianza. Intanto per giovedì prossimo è stata indetta una manifestazione di protesta a Scauri. L'appello è stato lanciato da alcune donne della zona di Scauri sui social e punta a far sentire l'ennesima voce di contestazione ad Acqualatina, che non riesce a gestire l'emergenza causata da una crisi idrica senza precedenti. L'appuntamento è stato fissato per le dieci di giovedì mattina in piazza Sant'Albina.