Sono stati rimessi in libertà i due uomini fermati dai carabinieri a Cisterna con l'accusa di tentata estorsione dopo che la vittima dell'episodio aveva presentato una denuncia. Oggi si è svolto l'interrogatorio di convalida davanti al giudice per le indagini preliminari Giuseppe Cario che non ha convalidato l'arresto e ha rimesso in libertà senza alcun vincolo. In base a quanto accertato dagli investigatori i due uomini hanno minacciato e intimato un imprenditore di consegnare 50mila euro e domenica era scattato l'arresto. Al termine dell'audizione nella casa circondariale di Latina sono entrambi tornati in libertà.