Si entra nella fase più calda per il Pronto Soccorso del Goretti. Come da tradizione, a ridosso del Ferragosto, si raggiungono cifre record negli accessi. Da ieri in particolare la situazione è monitorata con grande attenzione. La struttura d'emergenza di Latina è stata presa d'assalto soprattutto nelle ultime 24 ore e la sensazione è che si sia solo all'inizio di un periodo difficile. Alle 11 di ieri si segnalavano già 110 pazienti. Alla stessa ora solo il Gemelli e l'Umberto I° erano praticamente sullo stesso livello nel Lazio, rispettivamente con 118 e 102 accessi. Dei pazienti latinensi solo per poco più del 50% era in corso il trattamento (58 sui 110 totali), il resto era in attesa di visita (14), di ricovero o trasferimento (18) o in Osservazione breve (20). Appena 6 i casi di utenti in codice rosso. Un sovraffollamento prevedibile che trova solo parziale giustificazione nel fatto che si è nel pieno dell'estate. A pagarne lo scotto maggiore sono soprattutto gli anziani, la fetta di utenza più grossa per il Goretti e al tempo stesso la più vulnerabile sotto il profilo sanitario. Ma se dei disagi si parla ormai quotidianamente, appare sempre più urgente trovare delle soluzioni concrete. In tal senso occorrerebbe garantire alle persone di poter accedere al Pronto Soccorso ma anche di poterne uscire in tempi rapidi. Per questo è sempre più urgente differenziare gli accessi. In particolare si deve assicurare agli anziani una valutazione precoce e dei veicoli corretti.