L'esperimento vedrà impegnato un 28enne chiamato a svolgere lavori di pubblica utilità per conto del Comune. Si occuperà della manutenzione e della custodia del parco del palazzetto dello sport per un mese, due ore al giorno senza alcun tipo di retribuzione. Arriva anche a Fondi l'applicazione della pena sotto la forma del lavoro di pubblica utilità. Una formula che consiste in una prestazione di attività non retribuita in favore della collettività. Il Comune di Fondi già dal 2012 ha sottoscritto una convenzione col ministero della Giustizia in forza della quale l'ente municipale può ospitare quattro condannati alla pena del lavoro di pubblica utilità. Tra le prestazioni individuate dall'ente ci sono la custodia di musei e strutture culturali, manutenzione degli spazi verdi e dei parchi pubblici, infine attività di assistenza sociale. La novità, adesso, riguarda l'applicazione pratica di questo accordo. Una recente sentenza del tribunale ordinario di Latina ha disposto per un 28enne la prestazione di lavoro di pubblica utilità al Comune di Fondi. Quest'ultimo, attraverso una determinazione del settore Risorse umane, ha deciso di impiegare il soggetto nella custodia del palazzetto dello sport per un mese a partire dal 4 settembre prossimo.