Con un'impresa sfacciata due sconosciuti ieri notte hanno appiccato le fiamme sulla vetrina del tabacchi di largo Cirri nel quartiere Q5-Nascosa, uno sgarro in piena regola compiuto sotto le telecamere che hanno ripreso ogni singolo momento dell'azione incendiaria. E gli attentatori, che sapevano di essere ripresi, non si sono fatti scrupoli a presentarsi con i volti travisati, ma non per questo poco riconoscibili nella fisionomia. Sulle loro tracce si sono messi i carabinieri della Compagnia di Latina intervenuti con i vigili del fuoco per gli accertamenti del caso: è stata repertata, per le analisi del caso, una delle bottiglie utilizzate dai due e lasciata a terra nel porticato del condominio adiacente.
«Mi sono stufato, è la ventisettesima volta che subisco un atto criminale se si conta la lunga serie di furti e rapine che ho subito negli ultimi venti anni - è lo sfogo di Marco Di Pinto, tabaccaio che prima di avviare l'attività in Q5 col figlio ha gestito per molti anni e gestisce ancora oggi con la famiglia il punto vendita del centro Lestrella in Q4 - Non so come interpretarla questa cosa perché non ho mai disturbato nessuno, ma inizia a essere troppo pesante. Spero che questi due vengano presi, abbiamo consegnato ai carabinieri i filmati registrati dalle telecamere che li riprendono».