A distanza di quattro giorni è tornato a colpire il rapinatore solitario che si muove a piedi in un ristretto raggio d'azione attorno via Bruxelles. Dopo il colpo di martedì pomeriggio al distributore di carburanti, ieri sera è toccato al centro scommesse "Matchpoint Sisal" di viale Le Corbusier, dove il bandito con la pistola in pugno si è dovuto fare largo tra i numerosi clienti che guardavano, con particolare trasporto, la partita di calcio tra Genoa e Juventus.
«Mi sono girato e l'ho visto a un metro di distanza da me - ci racconta uno dei testimoni oculari della rapina - Aveva una calzamaglia calata sul volto, ma solo fino alla bocca, e in mano aveva la pistola. Inizialmente credevo che fosse uno scherzo, poi ha iniziato a dire che voleva i soldi. Ma tremava, sembrava molto giovane: avrà avuto una ventina d'anni». Qualcuno ha preferito distogliere lo sguardo e puntare gli occhi sulla televisione che trasmetteva la partita di serie A.