Terribile sorpresa, pochi minuti fa (2 settembre 2017) nel nido delle tartarughe marine al Lido dei Coralli, sul litorale di Tor San Lorenzo di Ardea. I biologi della Stazione zoologica "Anton Dohrn" di Napoli hanno infatti deciso di scavare nella sabbia e appurare cosa fosse accaduto all'interno del nido, visto che la schiusa ancora non avveniva. 

Purtroppo, lo spettacolo che si è presentato agli occhi degli esperti ma anche dei volontari di Sea Shepherd e dell'Enpa, non è stato bello: le circa cento uova deposte a inizio luglio dalla tartaruga marina erano tutte attaccate da alcuni parassiti. Di conseguenza, ci sono davvero speranze pari allo zero che possano nascere delle tartarughe. Sembrerebbe, infatti, che lo sviluppo delle testuggini si sia fermato a un primo stadio embrionale. 

Secondo il biologo Gianluca Treglia della stazione zoologica napoletana, uno dei problemi potrebbe essere legato alla natura della sabbia del litorale di Tor San Lorenzo, inadatta per la crescita delle tartarughe.

Le uova attaccate dai parassiti, comunque, saranno aperte totalmente in laboratorio.

Alle operazioni era presente anche il sindaco di Roma e della Città metropolitana, Virginia Raggi, che ricordiamo avere una casa nelle vicinanze.

(Le foto sono tratte dalla pagina Facebook della campagna Jairo Mediterraneo di Sea Shepherd)