Si introduce nell'abitazione di un notaio e quando viene scoperto dalla moglie inizia a minacciarla e picchiarla. Un'azione stile «Arancia Meccanica», quella compiuta a Isernia da un 40enne di Aprilia, E. C. le sue iniziali, arrestato ieri mattina dai carabinieri di Isernia.
L'uomo è entrato in azione alle 7.30, ha aspettato che il notaio Giuseppe Gamberale andasse via per intrufolarsi nell'abitazione e prendere soldi e gioielli. Probabilmente pensava che non ci fosse più nessuno, invece nella casa era ancora presente la moglie 82enne del professionista. L'anziana si è così trovata faccia a faccia col rapinatore, quest'ultimo armato di pistola (poi risultata a salve ma priva del tappo rosso) ha prima colpito la donna, per poi trascinarla per i piedi in un'altra stanza. Minacce e botte per farsi dare i soldi.
Le urla di dolore e di paura della signora hanno messo in allarme la figlia e il genero, residenti nello stesso palazzo, che si sono così messi in contatto il comando provinciale dei carabinieri. Immediatamente sono state inviate delle pattuglie sul posto, che hanno trovato l'aggressore all'interno dell'appartamento , bloccandolo e arrestandolo. Il 40enne di Aprilia è stato così prima trasferito nella centrale operativa del comando e poi nel carcere di Isernia, dove attualmente si trova.