Saranno ascoltati domani mattina alle 10,30 dal gip del Tribunale di Latina, i due parenti di Gloria Pompili, la ragazza di 23 anni uccisa secondo quanto hanno ricostruito i carabinieri da due parenti che sono stati arresti. In carcere è finita la cugina della madre, Loide Del Prete, 39 anni e il compagno, un egiziano di 32 anni, Saad Mohamed. Devono rispondere dell'accusa di omicidio come conseguenza di maltrattamenti e poi anche di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Ieri mattina sono state eseguite le ordinanze di custodia cautelare e il Tribunale ha accolto le risultanze investigative dei carabinieri. La ragazza, costretta a prostiuirsi, era morta a causa delle ferite riportate a seguito di un pestaggio, erano stati i familiari a dare l'allarme mentre stavano rientrando a Frosinone e si erano fermati in auto a Prossedi.