L'accusa di estorsione gli è valsa una condanna a 5 anni di reclusione. Qualcosa di più, 6 anni e 4 mesi, aveva chiesto ieri mattina in udienza il pm Luigia Spinelli, ma il giudice Silvia Artuso è scesa di sedici mesi. Cristian Morelli, 28 anni, resta per il momento dove si trova, agli arresti domiciliari. Era stato arrestato dalla polizia nel settembre 2016, dopo la denuncia di un ragazzo che si era rivolto a lui per acquistare della cocaina e che a forza di minacce e percosse era stato costretto a versare molto di più di quanto sarebbe costata la sostanza stupefacente. Stanco di subire angherie, il malcapitato si era rivolto in questura e all'appuntamento per la consegna dell'ultima somma estorta c'erano anche i poliziotti. L'arresto era dunque avvenuto in flagranza di reato.  A difendere Morelli in aula c'erano gli avvocati Gianluca Vitelli e Sandro Marcheselli, che sono riusciti a strappare una condanna inferiore alla quella richiesta dal pubblico ministero.