E' ritenuto l'autore di un tentato furto e di un colpo tentato. Le indagini sono andate avanti per mesi fino a ieri sera quando La Polizia di Stato – Questura di Latina,ha eseguito un provvedimento di custodia cautelare in carcere, emesso dall'Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Latina nei confronti di un indagato ritenuto responsabile di alcuni furti aggravati commessi in tempo di notte ai danni di esercizi commerciali tra aprile e maggio 2017.

La complessa ed articolata attività investigativa ha permesso di accertare la personale responsabilità di Alessandro Anzovino, 24 anni il quale il 14 aprile scorso, tentava di sfondare la vetrina dell'esercizio commerciale denominato l'occhialeria di Corso della Repubblica, causando la caduta del montante della porta d'ingresso, non riuscendo nel suo intento in quanto la porta resisteva alla violenza posta in essere dal malvivente. In quella circostanza il predetto poco dopo, l'episodio delittuoso veniva intercettato da una volante e gli operatori di polizia avevano l'accortezza di fotografare il soggetto, così da poter stabilire, in un momento successivo, attraverso la comparazione delle immagini estrapolate dal sistema di videosorveglianza dell'attività commerciale la perfetta corrispondenza fisiognomica e dell'abbigliamento indossato dal malvivente con le fattezze fisiche ed il vestiario del 24enne

Il successivo 30 maggio, viene messo a segno un altro colpo notturno ai danni di una pizzeria ubicata in via Pier Luigi Nervi. In questo caso il malfattore riesce a rompere la porta d'ingresso e ad impossessarsi del registratore di cassa con il denaro contante contenuto al suo interno, nonché di altri soldi custoditi sempre all'interno dello stesso locale. Anche in tale circostanza, una attenta analisi delle immagini estrapolate dal sistema di videosorveglianza del negozio ha consentito di stabilire che si trattava, senza ombra di dubbio, di Anzovino, persona nota agli operatori di polizia per i suoi trascorsi giudiziari.

La competente Autorità giudiziaria, concordando integralmente con le tesi investigative della Squadra Mobile, ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico del citato indagato.

Il giovane  è stato prima condotto presso gli Uffici della Questura e, espletate le formalità di rito, associato presso la Casa Circondariale di Latina a disposizione della competente Autorità giudiziaria.

L'arresto, si inquadra in un più ampio dispositivo di controllo del territorio avviato dalla Questura di Latina per arginare fenomeni di microcriminalità, in particolare i furti notturni, anche mediante l'impiego di equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine "Lazio" di Roma, nonché per intensificare le attività di monitoraggio delle zona a più alta incidenza di recrudescenza criminale e dei quartieri degradati.