Oltre un centinaio di persone si sono radunate questa mattina in via del cavallo morto all'incrocio con la via Nettunense nel quartiere casello 45 per protestare contro l'annuncio della chiusura del passaggio a livello per permettere i lavori di realizzazione del sottopassaggio. Residenti e comitati di quartiere sia di cavallo morto sia del nuovo comitato di quartiere sandalo hanno chiesto rassicurazioni informazioni agli assessori giunti sia dal Comune di Aprilia sia dal Comune di Nettuno. E' previsto un nuovo confronto fra le amministrazioni e gli enti coinvolti a partire dall'azienda che deve realizzare i lavori fino a ferrovie dello Stato. L'obiettivo è ottenere un impegno e soprattutto dei tempi certi per realizzare la strada alternativa che possa collegare casello 45 prima a campo di carne e poi verso sud a padiglione. Una delle criticità sollevate dai residenti è infatti l'assenza di alternative sia per i mezzi privati sia per quelli del trasporto pubblico. Qualsiasi scelta e decisione sarà presa comunque non potrà essere messa in campo prima della realizzazione del Prolungamento di via Vesuvio fino a campo di carne per cui si prevedono tempi o di oltre due mesi almeno fino a un massimo di almeno sei.

C'erano anche alcuni dipendenti della Tfz ingranaggi questa mattina a casello 45 ad ascoltare l'assessore Spallacci di Aprilia e l'assessore Pompozzi di Nettuno. La loro è una delle tre industrie presenti nel quartiere che rischiano di subire pesanti disagi e danni economici dalla chiusura del passaggio a livello senza una concreta strada alternativa su cui far transitare i mezzi pesanti. Con loro il segretario provinciale della Uilm di Latina Evangelista.