Lavori con l'autorizzazione scaduta, l'amministrazione comunale blocca il cantiere in via Vallelata partito questa mattina per realizzare un impianto industriale per produrre asfalto. Dopo le proteste di questa mattina da parte dei residenti della zona, che hanno contestato la realizzazione dell'impianto per la produzione di cemento e asfalto, gli agenti della polizia locale hanno effettuato un sopralluogo sul cantiere e – contestualmente – gli uffici del Comune di Aprilia hanno avviato delle verificazioni sulle licenze. Il permesso, rilasciato dal dirigente del settore Urbanistica nel 2015, conteneva alcune prescrizioni e aveva validità di un anno. "L'autorizzazione è scaduta, perciò abbiamo bloccato tutto – commenta il vice sindaco e assessore all'Urbanistica, Franco Gabriele – chiedendo alla ditta di risistemare il terreno che era stato sbancato".  Questa mattina una quarantina di persone si sono ritrovate in via Vallelata, all'ingresso di quello che dovrebbe essere un nuovo impianto industriale. Una sorpresa per i residenti, all'oscuro di tutto, che contestano il progetto visto che da tempo sono combattono contro altri siti che producono miasmi insopportabili. "Non è ammissibile realizzare un bitumificio - ci spiega un cittadino - a pochi metri dalla chiesta e dal centro abitato. Anche perché qui da anni combattiamo contro gli olezzi prodotti dalla Cogea Service, che tratta residui animali".