«Karin stava male, era distesa sulla panchina con la testa sulle gambe della mamma ed era molto sofferente». E' quello che ha detto una testimone che ha visto Karin il giorno che è stata portata in gravi condizioni dai genitori al Pronto Soccorso del Santa Maria Goretti. «Ho chiesto perché stava ancora lì - ha detto - e non era stata visitata e per quale motivo non era stata fatta ancora entrare. Ho detto "Vai a fare casino", è tanto che stai qui allora...».
La donna nel corso della sua deposizione si è anche commossa quando ha rivissuto le ultime ore di vita di Karin Dalla Senta, la giovane di Latina morta in ospedale per cause tutte da chiarire. Prima di questa deposizione molto toccante ha parlato per oltre un'ora il fratello di Karin. «Mia sorella ad un certo punto era disidrata e stava molto male», ha ricordato con grande lucidità e precisione.