Un operatore del servizio civico è stato aggredito il 16 novembre 2017 davanti alla scuola "Trilussa" di Pomezia mentre svolgeva la sua attività.

A rendere pubblica la notizia, nel corso della giornata di oggi (21 novembre 2017) è stato il Comune di Pomezia attraverso una nota. "Chi opera nel servizio civico a Pomezia - hanno spiegato da piazza Indipendenza - collabora anche con la polizia locale durante l'ingresso e l'uscita degli studenti dalle scuole, aiutando i bambini ad attraversare la strada. All'origine dell'aggressione sembra esserci l'invito da parte dell'operatore nei confronti di un genitore a spostare l'auto che era stata parcheggiata sullo stallo riservato agli scuolabus, proprio in concomitanza dell'arrivo del pulmino. L'operatore, invalido all'85%, è stato trasportato al pronto soccorso, dove è stata riscontrata una prognosi di 7 giorni, e il genitore denunciato".

Non è mancato, sulla vicenda, il commento del sindaco, Fabio Fucci: "Esprimo la più sentita vicinanza al cittadino che presta il servizio civico davanti alle scuole di Pomezia - ha evidenziato il primo cittadino - Ciò che è accaduto è molto grave, sia per l'atto in sé che per quello che rappresenta. Il rispetto delle regole è la base del vivere civile: trasgredirle davanti a una scuola e a dei bambini è intollerabile. Il buon esempio è il miglior insegnamento che possiamo trasmettere ai più piccoli. Da parte mia e dell'intera amministrazione auguro all'operatore una pronta guarigione".