Altobelli e il mistero della maglia scomparsa. Altobelli è il grande Alessandro "Spillo", giocatore del Brescia, dell'Inter, della Juventus e della nazionale italiana campione del mondo nel 1982 in Spagna. La maglia è quella azzurra numero 18, che Spillo indossava nella finale mondiale, nel corso della quale realizzò il terzo goal. Tornato nel suo paese, Sonnino, Altobelli volle far dono di quel cimelio alla Sacra Immagine della Madonna delle Grazie, cui i sonninesi sono particolarmente devoti. E quella maglia numero 18 entrò a far parte del tesoro della Madonna, portata in processione ogni 7 anni e incoronata ogni 25. Quella maglia da diversi mesi - ma c'è anche chi parla di anni - è scomparsa. Non risulterebbe rubata, non a caso nessuna denuncia è stata mai presentata ai carabinieri della locale Stazione. Probabilmente, non se ne sarebbe più parlato, se lo stesso Altobelli ieri mattina non avesse scritto sul suo profilo Instagram qualcosa in proposito, invitando chiunque sappia che fine abbia fatto quella maglia a parlarne con il parroco o, in Comune, con il sindaco. In paese, dove due anni fa ha festeggiato i suoi 60 anni, giocando una partita con le vecchie glorie locali e nazionali (Candela, Bruno Conti, Antognoni e via dicendo), tutti ricordano il suo gesto dell'82. Accompagnato dai genitori, Antonio e Giovanna, si recò nella Chiesa di San Pietro per donare alla Madonna delle Grazie, per il tramite del parroco don Pietro, quel prezioso cimelio. Che ora, però, non si sa che fine abbia fatto. Abbiamo provato a contattarlo telefonicamente, ma il suo cellulare è spento. Di certo si sa che il 19 sarà a Roma per essere premiato al Coni. Intanto, il mistero della maglia scomparsa rimane.