Prosegue con profitto l'operazione "Saldi Sicuri" dei carabinieri del Comando provinciale di Roma predisposta dall'inizio ufficiale del periodo dei saldi invernali nei negozi del Lazio lungo le vie dello shopping e nei pressi dei centri commerciali della Capitale.

Nelle ultime ore, i carabinieri hanno arrestato altri 3 ladri in azione, mentre un 16enne è stato denunciato a piede libero.

Altre due baby-borseggiatrici nomadi di 10 e 11 anni, infine, sono state segnalate all'autorità giudiziaria per i minorenni.

Il primo a finire in manette è stato un cittadino della Georgia di 31 anni, nella Capitale senza fissa dimora, sorpreso dai carabinieri del Nucleo Scalo Termini nei pressi dell'area commerciale della stazione ferroviaria subito dopo aver rubato un costoso profumo, rimuovendone le placche antitaccheggio, da un grande magazzino del "Forum".

In via Tuscolana, i carabinieri della Stazione Roma piazza Dante hanno arrestato una coppia di cittadini peruviani, lui di 38 anni, lei di 48 anni, entrambi già conosciuti alle forze dell'ordine. I due ladri, approfittando dell'affollamento di un grande negozio di calzature, hanno rubato la borsa di una cliente che era intenta a provare un paio di scarpe. I carabinieri, intuite le loro intenzioni, erano già alle loro calcagna e li hanno immediatamente bloccati, restituendo l'intera refurtiva alla legittima proprietaria.

In zona centro storico, i carabinieri della Stazione Roma piazza Farnese hanno fermato due giovanissime ragazzine di 10 e 11 anni, entrambe provenienti dal campo nomadi di Castel Romano, al confine fra Roma e Pomezia, sulla via Pontina, per aver rubato il portafogli a una turista che stava passeggiando in largo di Torre Argentina. Anche in questo caso la refurtiva è stata interamente recuperata e restituita. Le baby-manolesta sono state segnalate all'autorità giudiziaria per i minorenni e, successivamente, accompagnate in una struttura di accoglienza del Comune di Roma.

Infine, i carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina e dell'8° Reggimento "Lazio" hanno denunciato a piede libero un ragazzino marocchino di 16 anni, nella Capitale senza fissa dimora. Il giovane, nella fermata della metropolitana "Spagna", si è rifiutato di fornire le proprie generalità ai militari dell'Esercito Italiano, impiegati nell'operazione Strade Sicure a guida Brigata Granatieri di Sardegna, facendo scattare la procedura di controllo.

All'arrivo dei carabinieri, il giovane è stato sorpreso in possesso di capi di abbigliamento, del valore di oltre 800 euro, risultati appena rubati in due esercizi commerciali del centro storico. La refurtiva è stata restituita ai responsabili dei negozi derubati, mentre il minorenne è stato affidato ai servizi sociali del Comune di Roma.