I furti andavano avanti da qualche tempo. Due mezzi rubati in altrettanti giorni e un altro che i ladri, braccati dal proprietario dell'azienda derubata, hanno dovuto abbandonare per strada. Poi ieri il blitz della polizia nelle campagne tra Pontinia e Sabaudia, dove le forze dell'ordine sono riuscite a recuperare le macchine prima che fossero portate via per finire chissà dove.
Di colpi analoghi negli ultimi tempi ne sono stati messi a segno parecchi, anche perché ogni veicolo di questi vale sul mercato decine di migliaia di euro. Nel mirino dei ladri soprattutto le zone di campagna.
Gli ultimi episodi risalgono al 5 e al 6 gennaio. Il giorno prima dell'Epifania i ladri hanno agito presso una nota azienda del posto. Un colpo da oltre centomila euro, se non fosse che i malviventi sono stati costretti ad abbandonare una delle macchine prima di darsi alla fuga perché "braccati" dal titolare della ditta. Il mezzo è stato recuperato e contestualmente è stato denunciato il furto. La polizia ha cominciato a indagare raccogliendo il maggior numero possibile di indizi.
La notte del 6 gennaio un altro furto, sempre messo a segno a Pontinia. Un mezzo dal valore di circa 35mila euro. Da subito si è pensato che dietro potesse esserci la stessa mano. E ieri pomeriggio i sospetti hanno trovato ulteriori conferme.
Gli agenti della polizia di Stato, grazie agli indizi raccolti, hanno effettuato un blitz nelle campagne tra Pontinia e Sabaudia, dove sospettavano che potessero essere stati occultati i trattori rubati. L'operazione ha fatto centro. I mezzi sono stati recuperati mentre, a quanto pare, erano pronti per essere portati via e finire chissà dove.
Le macchine hanno un valore di mercato che oscilla complessivamente attorno ai centomila euro.
Le indagini ovviamente andranno avanti per cercare di far luce su questo "traffico" di mezzi agricoli.