Nelle scorse ore, a Pomezia, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della locale Compagnia hanno arrestato un giovane 23enne, residente a Torvajanica e già noto alle forze dell'ordine, poiché trovato in possesso di diverse dosi di marijuana e hashish.

In particolare, tutto è iniziato nell'ambito di un posto di controllo allestito in via Roma, nel pieno centro di Pomezia, dai militari dell'Arma: in tale frangente, il giovane è stato fermato per un controllo e, avvicinandosi all'abitacolo dell'autovettura, i carabinieri hanno subito avvertito un forte odore di marijuana.

A quel punto, gli uomini coordinati dal capitano Luca Ciravegna - comandante della Compagnia pometina - hanno deciso di approfondire il controllo e, nel porta oggetti della vettura, hanno trovato dieci grammi di marijuana e  due etti circa di hashish. In più, nel proprio portafogli, il ragazzo aveva circa 900 euro in contanti, sequestrati poiché ritenuti provento di una pregressa attività illecita.

Chiaramente, dopo le verifiche nell'auto, la perquisizione è stata estesa anche all'abitazione del giovane: qui, i carabinieri hanno ritrovato e sequestrato tutto il materiale idoneo al confezionamento delle singole dosi di sostanza stupefacente e un bilancino di precisione.

Come disposto dall'autorità giudiziaria di Velletri, il 23enne è stato posto agli arresti domiciliari in attesa di processo con rito direttissimo. Dovrà difendersi dall'ipotesi di detenzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti.