l ponte Sisto doveva effettivamente essere demolito? Per quale motivo, nel caso fosse così, si è arrivati a quel punto e non si è invece effettuata manutenzione preventiva? Sono alcuni dei quesiti al vaglio della Procura, che ha aperto un fascicolo sull'intera vicenda. Un'indagine "esplorativa" (al momento non ci sono indagati) coordinata dal sostituto procuratore Giuseppe Miliano, che ha delegato accertamenti ai carabinieri forestali del Nipaf, il nucleo investigativo.
Corposa la documentazione da acquisire, sia in Provincia che in Regione. L'obiettivo è infatti ricostruire con precisione tutte le tappe che hanno portato poi alla demolizione del ponte.