Blitz con sigilli ad un'officina "fantasma", ieri, a Fondi. Lo hanno portato a termine in mattinata i finanzieri di stanza presso la Compagnia locale, che hanno fatto capolino in un'attività situata alla periferia della città e poi risultata completamente abusiva: era sconosciuta tanto al fisco, quanto al Comune.
Ultimati i controlli, e riscontrate le irregolarità, i militari coordinati dal capitano Gianfranco Mozzillo non hanno potuto far altro che chiudere i battenti dell'officina finita nel mirino, ponendo sotto sequestro sia il locale dove era stata allestita che le attrezzature da lavoro.
Al termine del servizio il gestore, unico professionista in forza all'attività, peraltro a quanto pare di buona fama in zona e specializzato in Mercedes e Smart, è stato destinatario di una serie di contestazioni per violazioni di natura amministrativa, oltre che di una cospicua sanzione.
Per un caso di abusivismo il cui fascicolo ora passerà di mano in mano. Da quelle degli uomini delle Fiamme Gialle di stanza in via Terruto, a quelle degli agenti della polizia municipale.
A questi ultimi, infatti, saranno delegati ulteriori accertamenti di natura urbanistico-ambientale, relativi in particolare ad appurare le modalità di trattamento e smaltimento dei rifiuti speciali e delle acque reflue poste in essere fino al momento della chiusura.
Nel frattempo, i servizi dei finanzieri della Piana sul fronte del contrasto all'abusivismo commerciale proseguono a 360 gradi.