Un ampliamento ritenuto irregolare per realizzare immobili destinati a bar e ferramenta e ora, dopo circa un anno dall'informativa dei carabinieri forestali di Terracina, il Comune di San Felice Circeo ha ordinato a un privato di demolire.
Gli accertamenti risalgono a maggio 2017. A finire sotto la lente dei carabinieri forestali, un ampliamento di circa 87 metri quadrati quale aumento di superficie utile adibita ad attività commerciale di due locali adibiti a ferramenta e bar. Come riportato nell'ordinanza di demolizione, si tratta di «opere totalmente abusive». Al privato è stato imposto di ripristinare lo stato dei luoghi entro e non oltre 90 giorni. In caso contrario, l'Ente interverrà d'ufficio addebitando al privato le spese.
Sempre nella giornata di ieri, il responsabile del settore Edilizia e Tutela ambientale ha emesso un'altra ordinanza. Stavolta l'informativa, redatta dalla polizia municipale, risale al 2013. A essere contestati, un vano tecnico adibito a locale caldaia e impianti e anche il torrino di circa 14 metri quadrati del vano scala che accede sul terrazzo di copertura del fabbricato. Anche in questo caso al privato è stato imposto di intervenire e demolire entro 90 giorni.