Lascia il carcere il custode della droga arrestato tre settimane fa dagli investigatori della Squadra Mobile con oltre tre chili di hascisc. Il Tribunale del Riesame ha infatti accolto la richiesta avanzata dal legale di fiducia dell'indagato, l'avvocato Giovanni Codastefano, e ha disposto una misura cautelare meno afflittiva concedendo gli arresti domiciliari. L'arresto era scattato il pomeriggio di martedì 6 marzo al culmine di un mirato servizio antidroga della Squadra Mobile. Gli investigatori della Questura, monitorando gli ambienti dello spaccio nel quartiere popolare "Nicolosi", avevano raccolto una serie di informazioni e di sospetti fino ad arrivare al marocchino di 34 anni. Era scattata così un'operazione lampo, senza l'impiego di attività tecniche che aveva portato il giovane in carcere.