Sono state trovate tracce di sostanze stupefacenti e di cocaina nel sangue dell'uomo di 41 anni di Latina, coinvolto nell'incidente stradale avvenuto lo scorso 21 marzo in via Bassianese a Latina in cui ha perso la vita il medico Ezio Bertini, 71 anni di Latina alla guida di una Toyota Iq che si è scontrata con la Lancia Thesis condotta da un 41enne.  L'impatto è stato molto violento ed è stato frontale e subito dopo l'incidente il conducente della Thesis è stato sottoposto anche agli accertamenti previsti in questi casi come quello del narcotest per verificare le condizioni psicofisiche al momento in cui è avvenuto l'incidente: è emerso che guidava sotto effetto di cocaina anche se non è possibile collocare a quando possa risalire l'assunzione della sostanza. Le indagini sono condotte dagli agenti della polizia stradale di Terracina, coordinati dal comandante Giuliano Trillò che sono rimasti a lungo sul luogo della tragedia con un accurato sopralluogo e hanno rilevato la dinamica della tragedia e poi come prevede la procedura hanno eseguito una serie di analisi sul 41enne rimasto gravemente ferito a causa del violentissimo impatto. L'uomo è ricoverato in condizioni molto delicate al Santa Maria Goretti di Latina nel reparto di rianimazione, a causa delle ferite riportate nello scontro avvenuto in via Bassianese.