Una banda di ladri ieri notte aveva puntato l'ipermercato EmmePiù di via Acque Alte, a metà strada tra Borgo Piave e Borgo Podgora, ma i piani degli specialisti dei furti sono andati in fumo. Probabilmente il loro obiettivo era la cassaforte, immaginando che conservasse ancora gli incassi di un fine settimana intenso come quello delle festività pasquali, ma sono dovuti scappare all'arrivo di Metronotte e Polizia, senza portare a termine il colpo.
L'allarme è scattato intorno alla mezzanotte di Pasqua, quando i ladri sembra che abbiano compiuto le azioni preliminari per il colpo vero e proprio che doveva avvenire in un secondo momento. Secondo una prima ricostruzione almeno due banditi incappucciati sono entrati da una porta sul retro dell'ipermercato e hanno messo fuori uso l'antifurto, un danno compiuto con estrema precisione che tradisce una cerca dimestichezza con impianti di quel genere.
A quel punto gli scassinatori sono usciti di corsa e hanno richiuso la porta prima di andarsi a nascondere nel buio dei campi circostanti. Un gesto compiuto in maniera intenzionale, perché probabilmente volevano dare l'idea che fosse tutto in ordine per tornare in un secondo momento e portare a termine così il piano con tranquillità una volta messo fuori uso il dispositivo antintrusione. Un metodo ricorrente tra le bande di specialisti dei furti.