Va avanti spedita, a Velletri, l'inchiesta della locale Procura della Repubblica in merito alla diffusione del video in cui un alunno dell'istituto "Cesare Battisti" insulta e minaccia una professoressa.

In particolare, dopo l'apertura dell'inchiesta per le ipotesi di reato di oltraggio a pubblico ufficiale e minacce, stando a delle note d'agenzia ci sarebbe già un primo indagato. Si tratta di un ragazzo - presumibilmente un sedicenne -, che non sarebbe l'autore delle frasi intimidatorie pronunciate nei confronti della donna. Da alcune indiscrezioni, non sembrerebbe escluso che si tratti di colui che avrebbe materialmente caricato il video in rete, dando poi origine a una diffusione virale, iniziata nel 2016 e accentuatasi nelle ultime settimane.

Intanto, gli stessi magistrati di piazza Falcone avrebbero informato anche la Procura per i minorenni di Roma, che starebbe valutando le posizioni di alcuni ragazzi.

La Procura della Repubblica di Velletri ha aperto un'inchiesta sugli insulti che uno studente, nel 2016, ha rivolto nei confronti di una sua professoressa in servizio all'istituto tecnico "Cesare Battisti" della città castellana.

In particolare, i magistrati hanno ricevuto un'informativa dai carabinieri, i quali ipotizzano il reato di oltraggio a pubblico ufficiale, valutando anche quello di minacce.

A scatenare le indagini la diffusione sui social network di un video in cui lo studente, rivolgendosi alla professoressa, proferisce insulti, parolacce e anche una bestemmia, minacciando la docente di "squagliarla" nell'acido e di farla finire in ospedale.

Il video, diffuso in passato, è diventato virale qualche settimana fa.