Due pedane con annesse tettoie usate per una festa da discoteca in spiaggia sono state sequestrate lo scorso 4 maggio in un'azione congiunta di Capitaneria di Porto e Carabinieri. Denunciati in stato di libertà l'amministratore della società affidataria della gestione della struttura, un chiosco balneare, e il tecnico progettista, entrambi ritenuti responsabili di realizzazione abusiva su area demaniale. In sostanza, secondo i carabinieri, le due pedane con annesse tettoie in legno, per un totale di 450 metri quadrati, utilizzate per un evento musicale anch'esso emersoessere senza titoli autorizzativi, non dovevano essere lì. La due giorni di festa si è tenuta il 28 e il 29 aprile scorsi. I carabinieri, in un'azione congiunta con la Capitaneria di porto, hanno sottoposto a sequestro le strutture prive di titoli. Sono in corso anche accertamenti sulla regolarità della documentazione della subconcessione.