Nessun documento addosso, né altri elementi in acqua utili a comprendere come siano finiti i corpi senza vita di una donna e una bambina piccola in alto mare, ad un miglio dalla foce di Torre Canneto, tra Terracina e Fondi. Per ora resta il mistero. I cadaveri sono stati ritrovati questa mattina 5 maggio dalla Guardia di Finanza in un ordinario servizio di pattugliamento con il gommone.Di carnagione mulatta, poco meno di 30 anni lei, non più di cinque anni la piccola, stando alle prime ipotesi, i due corpi erano vicini, la donna avvolta da un giubetto salvagente. Tutte le ipotesi sono aperte. Una di queste, che possa trattarsi di due persone legate all'imprenditore di Mondragone scomparso in mare giorni fa, Pierluigi Iacobucci, 32 anni, uscito il 2 maggio con una moto d'acqua da Castel Volturno e il cui cadavere è stato trovato il giorno seguente. Lo riporta l'edizione romana di Repubblica.it. L'uomo, secondo il quotidiano online, avrebbe avuto una compagna cubana che con la figlia potrebbero essersi trovati con lui sulla moto d'acqua. 

Le salme sono state messe a disposizione dell'autorità giudiziaria. La guardia costiera, allertata subito intorno alle 10.45 dalle Fiamme Gialle è giunta sul posto con due motovedette, una inviata da Terracina, l'altra dalla Capitaneria di porto di Gaeta. Sul caso indaga la procura di Latina. Dalle prime indiscrezioni trapelate, le autorità sembrerebbero escludere al momento che dietro il naufragio e poi la morte possa esserci il fenomeno migratorio, ovvero una traversata finita in tragedia. Donna e bambina potrebbero essere di origini sudamericane. Sulle cause della morte, si dovrà attendere l'esame del medico legale. Potrebbero essere cadute da un natante, o trascinate al largo dalla riva, o infine provenire da molto lontano. I corpi, sempre secondo le poche informazioni trapelate, sarebbero stati trovati in avanzato stato di decomposizione, e potrebbero essere stati in mare anche per cinque giorni. 

Sul posto, anche i carabinieri del Nucleo Radiomobile ela polizia locale di Terracina. Il tenente di Vascello dell'ufficio circondariale marittimo di Terracina Alessandro Poerio ha confermato di non aver ricevuto, nel territorio di Terracina, alcuna denuncia di naufragio o incidente in mare nei giorni scorsi.