È aperto oggi il dibattimento a carico di nove imputati finiti nell'operazione touch Down che ha portato alla azzeramento della giunta comunale di Cisterna di Latina. Gli avvocati degli imputati oggi ancora in carcere o ai domiciliari hanno chiesto una misura cautelare meno afflittiva. In attesa di ricevere il parere del pubblico ministero il collegio penale ha deciso di rinviare la decisione alla prossima udienza fissata al luglio. In aula questa mattina c'era anche l'avvocato della amministrazione provinciale del capoluogo che ha chiesto la costituzione di parte civile nei confronti di tre degli imputati. Assente invece un rappresentante legale del Comune di Cisterna che a questo punto in assenza di difetti di notifica non si costituirà parte civile in questo processo.