Ladre di fiori in azione all'alba di ieri mattina, ma le autrici finiscono nell'occhio di una telecamera interna di un esercizio pubblico e il filmato finisce su internet. Questo è quanto successo a Scauri ieri mattina, dove si sono registrati due furti di fiori ai danno di un bar situato sul lungomare di Scauri e di una macelleria ubicata nello stesso centro balneare, ma in via Appia. Nel primo caso ad essere preso di mira è stato il Bar La Bussola, uno dei ritrovi più frequentati del lungomare. Qui sono stati "prelevati" dei gerani, che si trovavano in alcune fioriere sistemate davanti al locale. Un furto che sarebbe passato in silenzio se la telecamera non avesse ripreso le "prodezze" della ladruncola. Infatti il filmato che ha ripreso tutta la scena è stato ieri diffuso attraverso internet e subito sui social si è scatenata la prevedibile reazione negativa. Le immagini, alle 6,22 di ieri mattina, inquadrano una persona (sembra di sesso femminile) che indossa pantaloni chiari, un giubbino, un cappello e un cappuccio, che coprono parzialmente il volto; questa, per ora, sconosciuta, si avvia verso una signora (la complice) che è distante qualche metro, più vicina all'incrocio di via Marconi, la quale le fornisce anche una busta, utile per poter nascondere i fiori da portare via. Una prima volta va per prendere i fiori, ma il passaggio di un furgone proveniente da via Marconi, la fa desistere dal tentativo. Dopo qualche secondo la figura con cappuccio e cappellino riparte in maniera decisa, arraffa i fiori e si allontana insieme alla complice. Dopo qualche ora le immagini, postate da una dipendente del locale, vengono viste da tantissime persone e il filmato diventa virale. Sempre ieri mattina un altro furto di fiori si è verificato davanti alla macelleria da Bruno, che, dal canto suo, ha avvertito i Carabinieri, i quali ieri, si sono interessati anche all'episodio del lungomare, grazie soprattutto alle immagini postate sul blog locale Scauresi Scauresi. Non è possible affermare che i due furti sono stati compiuti dalle stesse persone, ma le immagini delle telecamere installate dal Comune di Minturno potrebbero rivelarsi utili alle indagini degli inquirenti, anche perchè alle sei e mezzo di mattina non circolano tante persone. Resta il fatto che i due episodi, ma soprattutto il primo, ieri sono stati al centro dell'attenzione dei social, dove tante persone hanno manifestato il loro disgusto e la loro condanna per un furto del valore di qualche euro. Ma certamente le protagoniste dell'"esproprio" di fiori mai immaginavano che sarebbero finite su internet, col rischio concreto di essere identificate e denunciate.