Palloncini bianchi e il pensiero commosso dei suoi piccoli allievi. Cosi famigliari e amici hanno voluto ricordare Federica Menotti, la 35enne di Aprilia deceduta lunedì scorso mentre si allenava presso una piscina di Genzano. Sulla morte della giovane atleta, colta da un malore mentre nuotava, indaga ora la Procura di Velletri. Oggi pomeriggio ad Aprilia, presso la chiesa di San Michele Arcangelo si è consumato però il momento più difficile per chi ha avuto modo di conoscerla ed amarla. A porgere l'ultimo saluto alla giovane mamma, il marito, i familiari ma anche i bambini ai quali insegnava educazione fisica e quelli della scuola di nuoto.