Nell'operazione Alba Pontina sono finiti anche alcuni episodi che hanno visto come vittime degli avvocati del Foro di Latina. I fatti sono avvenuti nel 2016 e alcune toghe sono state ascoltate dagli inquirenti nel 2017 grazie alle dichiarazioni rilasciate è stato possibile ricostruire quello che accadeva. Sono moltissime le intercettazioni telefoniche che fanno parte dell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del Tribunale di Roma Antonella Minunni. " A Latina comandiamo noi di Campo Boario>, si legge nel provvedimento con un riferimento al clan Di Silvio. In alcuni casi per portare a termine l'estorsione come nel caso di Riccardo Agostino è proprio l'indagato a presentarsi nell'abitazione della madre di una avvocato. "Ti cerco per tutta Latina e ti vengo a prendere a Napoli". E emersa l'esistenza di due organizzazioni criminali dedite alla commercializzazione di sostanze  stupefacenti nel capoluogo pontino, operanti in base ad un tacito accordo in base ad una pacifica ripartizione  del territorio". ha scritto il gip nel provvedimento restrittivo.