E' stata accolta la richiesta di revoca della misura cautelare anche per un altro indagato dell'operazione Alba, si tratta di Matteo Lombardi, 33 anni, residente a Terracina, colpito dalla misura restrittiva del carcere. Al termine dell'interrogatorio a cui è stato sottoposto il gip del Tribunale di Roma Antonella Minunni ha accolto la richiesta dei legali, gli avvocati Giuseppe Lauretti e Massimo Basile e ha rimesso in libertà l'uomo con i soli obblighi di polizia giudiziaria dopo che nel corso dell'interrogatorio aveva risposto alle contestazioni del magistrato.
Poche ore prima era tornato in libertà un altro indagato che si trovava agli arresti domiciliari, si tratta di Gianluca D'Amico, anche per lui, la cui posizione è marginale, il gip del Tribunale di Roma al termine dell'interrogatorio a cui l'indagato era stato sottoposto aveva accolto l'istanza della difesa. Intanto per oggi è fissata l'udienza al Tribunale del Riesame di Roma nei confronti di Antonio Fusco, difeso dall'avvocato Amleto Coronella che ha presentato il ricorso e che sarà discusso a Roma.