Due delle tre tartarughe marine Caretta Caretta salvate nei mesi scorsi e curate nel "Pronto soccorso del Mare" dello Zoomarine di Pomezia, torneranno presto nelle acque del Tirreno. Mercoledì mattina, infatti, i due esemplari recuperati fra Terracina e Ponza saranno liberati al largo di Anzio, durante un evento cui saranno presenti pescatori, biologi, personale della Guardia costiera, della Stazione "Anthon Dohrn" di Napoli e della rete regionale TartaLazio, che si adoperano per soccorrere e salvare le tartarughe che spiaggiano lungo le coste della regione.

Di queste due tartarughe, Circe, una femmina adulta di circa 27 chili per 80 centimetri di lunghezza, venne trovata in difficoltà al largo di Terracina, in posizione capovolta e con un sospetto principio di annegamento. La tartaruga venne trasportata dai volontari dell'associazione Sea Shepherd allo Zoomarine.

La seconda tartaruga - chiamata Billa -, una femmina di 23 chili e la lunghezza di 69 centimetri, è stata trovata in difficoltà, in galleggiamento, al largo delle coste di Ponza da alcuni diportisti.

Infine, allo Zoomarine resterà in cura una terza tartaruga, recentemente ritrovata vicino a Ventotene in evidente difficoltà. «Trasportata allo Zoomarine dai Guardiaparco della Riserva naturale ‘Riviera di Ulisse' - si legge in una nota -, l'esemplare è piccolo, con una lunghezza totale di 47 centimetri e un peso di cinque chilogrammi. Rimarrà in osservazione nel prossimo periodo per assicurarsi che la pinna ferita riprenda la sua funzionalità normale».