«Sono la madre di Hadj Zaitouni, mio figlio è morto. Mi hanno ammazzato mio figlio per errore. Piango notte e giorno la sua morte». Un breve messaggio video che giunge dal Marocco, parole in lingua araba cariche di dolore di una madre che ha saputo di aver perso un figlio emigrato in un Paese lontano. La donna, di quanto avvenuto a Campo di Carne e poco prima in via Guardapasso ad Aprilia, sa che il figlio e gli altri due uomini che erano in auto con lui, sono forse stati scambiati per ladri. Chiede giustizia e verità. Chiede addirittura al Re del Marocco di intervenire per pretende che si faccia chiarezza su quanto avvenuto tra sabato e domenica scorsi e, soprattutto. chiede che le sia restituito il corpo del figlio.