L'indagine condotta dall'Osservatorio Crif nel 2017 colloca la provincia di Latina, sul fronte delle frodi creditizie, sul podio, al secondo posto dietro Roma e davanti a Frosinone, Viterbo e Rieti. Sono quasi 2500 le frodi creditizie nel Lazio , oltre il 10% sono state registrate nel territorio pontino e sono avvenute tramite furto di identità. In tutta Italia i casi sono stati più di 26mila. Inoltre la distribuzione delle frodi per sesso evidenzia che la maggioranza delle vittime (il 57,8% del totale, per la precisione) sono ancora una volta uomini ma rispetto all'anno precedente si registra un cospicuo aumento delle vittime di sesso femminile (+18,1%). Dato ancor più significativo emerge dall'osservazione della distribuzione delle frodi per età della vittima: se la classe in cui si concentra il maggior numero di casi rimane quella compresa tra i 41 e i 50 anni (con il 25,0% del totale), quella nella quale si rileva il maggior incremento rispetto alla precedente rilevazione è quella dei 18-30enni (+9,3%), che dimostrano di essere particolarmente esposti forse anche a causa della scarsa consapevolezza e di una eccessiva disinvoltura nell'utilizzo dei canali digitali con la relativa disseminazione di informazioni personali sovente utilizzate dai criminali per ricostruire identità false per portare a compimento le frodi. In crescita anche il peso degli over 60 anni, che vedono un incremento del +7,1%.
Inoltre il prestito prestito finalizzato, come già osservato anche negli anni scorsi, risulta ancora una volta essere la tipologia di finanziamento maggiormente esposta alle frodi, con una quota pari al 55,8% dei casi, seppur in calo rispetto all'anno precedente. Al contempo si registra un significativo incremento delle frodi perpretate sulle carte di credito, che arrivano a spiegare il 27,7% dei casi totali.