I carabinieri del corpo Forestale hanno arrestato oggi il presunto aguzzino del cane Lucky. Si tratta di un uomo di Latina che è accusato di essere il protagonista delle sevizie contro il cane riutrovato legato all'interno di un cassonetto nel quartiere Q4-Q5. L'uomo, che è di Latina, usava violenza su moglie e figli. Le indagini che hanno portato al fermo sono partite proprio dalla denuncia dell'associazione Amici del Cane relativa alle violenze contro il povero cane Lucky. Oltre alla violenza sul povero quadrupede i militari hanno scoperto che l'uomo usava regolarmente violenza anche su moglie e figli. Si tratta di un pensionato, Luigi S. di 69 anni. L'inchiesta è coordinata dal pubblico ministero Giuseppe Miliano.