Riverso a terra lungo via Giulio Cesare, il suo volto era una maschera di sangue. A notare il corpo inerme di un uomo ieri notte e segnalarlo alla centrale operativa del 113 sono stati alcuni automobilisti che hanno segnalato, poi i poliziotti della Squadra Volante hanno accertato che non si trattava della vittima di un'aggressione, l'ennesima nella zona tra la stazione degli autobus e il quartiere popolare "Nicolosi". Soccorso dal personale di un'ambulanza del 118 che lo ha trasportato presso l'ospedale Santa Maria Goretti, il malcapitato è rimasto poco in pronto soccorso: è svanito nel nulla prima di essere curato, ma soprattutto prima di spiegare cosa gli fosse successo.
L'episodio si è registrato intorno alla mezzanotte, ma non c'è nessun testimone che abbia assistito al pestaggio dello straniero, un nordafricano noto alle forze di polizia. Le ferite ben visibili soprattutto sul volto testimoniano però la violenza con cui gli aggressori si sono accaniti su di lui. Forse è stata la solita questione di droga o semplicemente la vittima ha infastidito la persona sbagliata, sta di fatto che c'è voluto un po' prima che il ferito si riprendesse dal torpore, probabilmente stordito dai fumi dell'alcol.
Quando ieri notte i poliziotti sono tornati in ospedale per ascoltarlo, lo straniero non si era ancora ripreso. E quando ha riaperto gli occhi non ha perso l'occasione di alzarsi dal lettino per dileguarsi in fretta dall'ospedale, prima ancora che i medici potessero terminare le cure.