Andrà al Tribunale del Riesame di Roma il legale dell'uomo di 68 anni di Latina, accusato di aver ucciso il cane Lucky arrestato dai carabinieri del Nipaf della Forestale con l'accusa di aver abusato sessualmente della moglie e anche delle figlie.
L'avvocato Giovanni Codastefano che assiste l'uomo presenterà ricorso avverso la misura restrittiva emessa dal gip Pierpaolo Bortone su richiesta del pubblico ministero Giuseppe Miliano. Inoltre la difesa punta anche a cercare di dimostrare che l'uomo al momento dei fatti la capacità di intendere e di volere stava scemando. L'indagato infatti da molti anni è in cura a causa di problemi di natura psichica e assume inoltre diversi farmaci. Le indagini sono scattate dopo la denuncia dell'Associazione Amici del Cane.