E' finito così con il non doversi procedere il processo per il violento scoppio nel popolare quartiere del Nicolosi avvenuto nell' ottobre del 2008 a Latina, il bilancio era stato molto pesante: un morto e diversi feriti. Erano tre gli imputati di nazionalità romena difesi dall'avvocato Gianluca Falso, in aula si era costituita la parte civile rappresentata dagli avvocati Maria Rita D'Alessio e Amleto Coronella. A perdere la vita a causa del cattivo funzionamento di una bombola del gas utilizzata nella palazzina era stato un uomo di origine romena,  Costantin Aremio, aveva 39 anni e viveva nella palazzina abitata anche da persone anziane all'angolo tra via Emanuele Filiberto e via Grassi. Anche subito dopo l'esecuzione di alcune perizie era emersa la causa della tragedia: il cattivo funzionamento di una bombola del gas. Gabriel Cana, Florina Limbosu e Gheorghe Mares, accusati di disastro colposo e omicidio colposo escono dunque definitivamente di scena.